La rasatura: momento unico padre e figlio

La rasatura: momento unico tra padre e figlio

Oggi è la Festa del Papà, quindi quale occasione migliore per riflettere su quanto la barba e il rito della rasatura siano presenti e importanti nel processo di crescita e di vita dell’uomo?

La barba è il primo segnale visibile della crescita di un ragazzo, che si avvia a diventare uomo. La Barba, quella peluria appena accennata che ti fa già sentire più virile e adulto (anche quando ti dicevano “ma sei sporco in viso?”) e che ti avvicina istintivamente all’uomo più importante della tua vita: tuo padre.

Già da piccoli imitiamo i nostri genitori nelle azioni quotidiane: le bambine “rubano” le scarpe col tacco alle loro madri, i maschietti giocano a radersi un’invisibile barba (chi non si è tagliuzzato il mento, da piccolo, con la lametta presa di nascosto?), magari acquisendo pose e atteggiamenti da “duro”. E poi lo sguardo di tuo padre ti accompagnava nel metterti la schiuma e in tutte le tue mosse per evitare che ti tagliassi (ancora) col rasoio, guidandoti nel percorso che ti ha portato a essere l’uomo che sei diventato.

Farsi la barba è un rito di passaggio dall’infanzia all’età adulta, è la scoperta di un corpo nuovo e di un nuovo modo di sentire e crescere. L’emozione di avere il rasoio tra le mani per la prima volta non per gioco, ma per radersi veramente è preziosa e andrebbe custodita gelosamente!

I padri ci accompagnano in questo fantastico viaggio: la prima caduta in bicicletta, il primo nodo alla cravatta, la prima rasatura…

E la prima volta che sei entrato con tuo padre nel magico mondo del barbiere? Un mondo nuovo, solo per uomini, con quelle donnine nude sui calendari e tanti giornaletti da “leggere”, mentre gli adulti parlavano di sport, politica e famiglia e tu, lì, piccola mascotte, a sentirti già grande.

Oggi che la figura del barbiere è nuovamente un’istituzione è bello portare i propri figli in un barber shop per fargli vivere questa esperienza dal sapore antico, questa ritualità che è molto più del semplice gesto di farsi barba e capelli. È un momento sociale.

E Noi figli, in onore di quella prima rasatura davanti allo specchio di casa, potremmo regalare a nostro padre un momento da vivere insieme, per riscoprire la poesia di un gesto che ci lega da sempre e per sempre, magari in una delle barberie storiche italiane.

Le barberie più antiche d’Italia.

Sono piccole fabbriche artigiane, dove il culto della barberia italiana viene ancora tramandato di generazione in generazione. Luoghi mistici che di Green Man Barber&Shop sono un po’ i genitori.

Il primo storico barber shop che vi presentiamo si trova a Genova, e forse , non si offendano gli altri, è in assoluta la più bella barberia d’Italia. La piccola Barberia Giacalone. Aperta da Italo Giacalone nel lontano 1922 in una stretta via del centro storico di Genova è uno splendido esempio di Art Dèco italiano, oggi tutelato dal Fondo ambiente italiano. Vetri colorati, specchi, lampade in ottone, ceramiche, tutto sembra riportare alla mente gli anni della grande Genova commerciale.

Dalle coste liguri alla splendida Milano. Qui all’ombra del Duomo, in via Morone, nei pressi di Via Montenapoleone e Piazza della Scala, troviamo l’Antica Barberia Colla. Qui, tra lavabi e poltrone antiche, è possibile provare il piacere di una rasatura effettuata ancora oggi “a regola d’arte”. Gabriele D’Annunzio, Luigi Pirandello, Giacomo Puccini, Ferrè, Mondadori, Cuccia, Marco Tronchetti Provera, sono solo alcuni dei nomi che hanno frequentato e frequentano la storica Barberia.

Pochi metri e in via Montenapoleone troviamo la Coltelleria Lorenzi. Aperta nel 1929, la Coltelleria Lorenzi è uno dei pochissimi barber shop italiani in cui l’arte della molatura dei rasoi avviene ancora oggi nel loro laboratorio artigianale.

Scendiamo al Sud, a Napoli. Nella splendida città partenopea troviamo la bottega fondata nel 1924 da Don Antonio Boellis. Boellis a Napoli è quasi un istituzione. Qui si tagliano i capelli ancora a mano libera, la rasatura della barba è più che un rito, è un vero e proprio momento di relax. Da Napoli a Bologna. Qui, immersi nelle nebbie, troviamo il barber shop “La Coroncina”, il negozio più antico della città. Nasce nel 1694 e i bolognesi amano veramente questo locale. Qui è possibile trovare, nell’arredo originale dei primi del “900”, tutto quello che in altri posti non si trova. La vasta gamma di prodotti americani, inglesi, rasoi e pennelli è un vero piacere per un cultore.

E a Roma? Abbiamo tenuto la capitale per ultima. La città eterna è ricca di barber shop di ottima tradizione. Barberie vecchie e nuove, dove è davvero possibile regalarsi delle esperienze uniche.

L’Antica Barberia Peppino dal 1956 ha visto passare sulle sue sedie persone di ogni estrazione sociale, dai Ruspoli ai grandi nomi come Bulgari. Qui è nato il club del Rasoio, un club che ha come socio onorario il Re di Spagna Juan Carlos e che ha la peculiarità di essere formato da 350 persone che hanno ricevuto 350 rasoi da utilizzare come “chiave d’accesso al club”.

E Green Man Barber&Shop? Beh, vogliamo fare la storia insieme a voi.